Lavoro

Come aprire una lavanderia a gettoni

Come aprire lavanderia a gettoni
Written by admin

Se si dovesse identificare un’azienda leader nel settore delle lavanderie self service in Italia, non si potrebbe non pensare a Bloomest.

Il franchising delle lavanderie automatiche nasce nel 2005, anno in cui Lavapiù decide di collaborare con il leader per gli impianti di lavaggio MIELE, dando così inizio alla partnership perfetta.

Chi è Bloomest

In realtà questo “matrimonio” è già avvenuto nel 2005, andando a coprire ad oggi, con le lavanderie self-service, tutto il territorio Italiano in maniera capillare con oltre 650 punti vendita.

Grazie all’opportunità di franchising di Bloomest, difatti, oltre 650 persone hanno potuto realizzare il loro sogno di mettersi in proprio senza doversi preoccupare della fase di start-up della loro attività.

Bloomest consente con la sua formula di iniziare l’attività e cominciare fin da subito a lavorare, anche se non si posseggono delle competenze specifiche nel campo delle lavanderie self service.

Sarà il personale qualificato di Bloomest stessa a seguire fin dall’inizio, con formazione e consulenza specifiche, chi decide di investire le proprie risorse economiche nell’avvio di una lavanderia automatica a gettoni.

L’assistenza non si fermerà ovviamente alla sola fase di lancio, ma proseguirà anche nella fase di crescita fino al momento in cui gli obiettivi di redditività preposti non saranno raggiunti.

Aprire un punto vendita Bloomest MIELE

Chiunque può decidere di aprire una lavanderia self-service, attività che sul medio-lungo termine darà la possibilità di avere un reddito costante.

Aprire un’attività in proprio, si sa, non è solamente lavorare per se stessi, ma anche costruire un’eredità per il futuro dei propri cari.

Quattro saranno i passi da compiere per avviare una lavanderia a gettone:

• Contatto: chiunque fosse intenzionato ad avviare l’attività, non deve far altro che contattare Bloomest MIELE. Un responsabile di zona aiuterà nella valutazione di fattibilità, fornendo tutto il materiale occorrente per effettuare un’attenta analisi.

• Sopralluogo: a seguito del contatto da parte della persona interessata, avverrà un sopralluogo per valutare innanzitutto il locale da adibire all’attività (potrebbe essere uno spazio a piano terra di una grande casa, piuttosto che un locale inutilizzato in centro).

Se l’interessato non avesse nessuna soluzione disponibile invece, sarà assistito nella ricerca del locale più idoneo all’impianto di lavaggio rapportato alla zona dove questo sarà ubicato.

• Progetto: una volta che si sarà individuata la soluzione più adeguata, verrà sviluppato un progetto in 3D che consentirà di avere un prospetto più preciso di quello che sarà l’installazione.

• Creazione punto vendita: nel momento in cui il progetto sarà approvato, si cominceranno i lavori che saranno coordinati da un responsabile di cantiere Bloomest. Durante questo periodo la persona potrà già cominciare a seguire i corsi di formazione, per arrivare preparato al momento dell’inaugurazione dell’attività, tenendo sempre presente che sarà seguita in tutto il percorso da un Tutor di riferimento.

Perché entrare nel circuito delle lavanderie self service

Aprire una lavanderia automatica a gettoni Bloomest vuol dire entrare di diritto in un “club” che mette a disposizione un’intera squadra di professionisti del settore nonché tutti gli strumenti di cui si avrà bisogno dalla nascita alla crescita dell’attività.

Leave a Comment